Bilancio Parrocchiale 1868

REDDITI E PESI DELLA PARROCCHIA DI BORRELLO, ANNO 1868Egidio_1868b

Provincia di Abruzzo Citra, Circondario di Lanciano, Comune di Borrello Diocesi di: Trivento

Comune, denominazione: Borrello Provincia di: Abruzzo Citra

Invocazione: S. Egidio Abate

Sedi di libera collazione o di patronato: di libera collazione

Popolazione della Parrocchia: 1852 anime

Popolazione registrata al Comune: 1852

Rendite della Parrocchia

Rendite prebendali: Prebendali, lire 500 (a)

Fabbricaria parrocchiale: Numero de’ fabbricati: manca (b)

Rendita approssimativa: ==

Benefici di Cappelle e coadiutori: Se di libera collazione o di patronato: no (c)

Chiese tenute aperte al pubblico: Numero tre. Titolo: La Parrocchiale (di S. Egidio Abate), quella di S. Antonio da Padova, la terza di S. Lucia

A spese di chi: Delle Cappelle Laicali sotto l’istesso titolo, e di cui i beni addetti al culto sonosi già rivelati al demanio.

Osservazioni. (a) La controscritta rendita, di cui molte partite sono inesigibili per minimizzo di rendita, ed altri in questione presso l’autorità giudiziaria, è gravata dell’annuo peso di circa £. 74,00 oltre delle messe pro populo. Varia leggermente, ora in più ora in meno, secondo l’affitto di alcuni terreni, la seminagione di taluni altri di natura enfiteutica. Del prezzo de’ pochi terraggi che vi si ritraggono vi manca la metà del supplemento di congrua in £. 95,60 che il Comune ha erogato per l’assenza del Parroco. Tutta la rendita si divide in parti uguali tra il Parroco titolare e l’Economo Curato. (b) Il Comune finora ha mantenuto le fabbriche della Chiesa parrocchiale e di quella di S. Antonio; quest’ultima di patronato comunale. Le spese di culto e di mantenimento del medesimo a carico delle Cappelle laicali. (c) Mancano i Benefici e le Cappellanie coadiutorali. Il Coadiutore del Parroco viene pagato dal Comune.

Borrello 13 Aprile 1868, Diomede Simonetti Economo Curato.

Diomede_DDiomede_BDiomede_A

Le incisioni fatte eseguire nel 1891 dal sacerdote Don Diomede Simonetti sugli stipiti dell’ingresso del Casino dell’Arciprete in località Santo Marco