Borrello: il mio paese

 Elementare0000 Elementare0001 Elementare0002 Elementare0003 Elementare0004 Elementare0005 Elementare0006 Elementare0007 Elementare0008 Elementare0009 Elementare0010 Elementare0011 Elementare0012 Elementare0013 Elementare0014 Elementare0017 Elementare0018 Elementare0019 Elementare0020 Elementare0021 Elementare0022 Elementare0023 Elementare0024 Elementare0025 RICERCA SU BORRELLO, realizzata dagli alunni della Scuola Media, Classe 1a Sezione A, Anno scolastico 1982 – 1983

Autori: Rossella Porcaro, Ivana Palmieri, Mimmo Calizzo, Ramon Angiolillo, Piero Di cesare, Nicola Amicone, Giuseppe Palmieri, Mario De laurentis, Donato Nelli, Zermolo D’Orfeo, Marco Di Cesare, Vincenzo Porfirio

ASPETTO FISICO Il paese sorge su una collina a 804 metri sul livello del mare (per l’altitudine bisogna tenere presente la posizione del Municipio). Borrello ha una superficie di 14.000 m2; una popolazione di circa 600 abitanti. Il territorio è prevalentemente montuoso e poco favorevole allo sviluppo agricolo.

 

LA LOCALIZZAZIONE DI BORRELLO La posizione di Borrello non è casuale, ma è la conseguenza di fatti geografici e storici che si sono variamente assommati. Il paese sorge sulla parte alta di una collina: la rice3rca della posizione elevata è dovuta a motivi di sicurezza, nei tempi remoti un problema di grande importanza era quello di proteggersi dall’attacco dei nemici e dei briganti, alle necessità di sfuggire alle frane e alle inondazioni dei fiumi e a una tradizione antica che risale ai popoli preromani come gli Etruschi.

ASPETTO ECONOMICO Il terreno di Borrello permette la coltivazione di: cereali, frutta, noci, barbabietole, vite, ortaggi, frumento, patate, legumi. A Borrello non ci sono grandi industrie ma solo una piccola azienda connessa con la produzione agricola. Sui pascoli montani, infatti, crescono pianticelle aromatiche dalla distillazione delle quali la ditta EVANGELISTA produce liquori notissimi.

VISITIAMO IL PAESE Borrello è provvisto di strade ampie, luminose e ben sistemate e quasi tutte ombreggiate (nella parte nuova). La vecchia rete stradale, invece, cede alle esigenze di una posizione arroccata in una zona montana per esigenze di difesa e per sfuggire alla malaria frequente nei fondovalle.

LARGO RISORGIMENTO Può rappresentare il centro di Borrello in seguito allo sviluppo avuto dall’abitato in questi ultimi anni verso via del Littorio.

 

A BURRIEL NUOSTR Disse mio padre quando emigrò: “figlio, un giorno tornerò″. Tanto tempo è passato, ma egli tornato non è: a Borrello lavoro non c’è. Colaizzo Mimma, Di Cesare Pierluigi

Un giorno il buon Dio pensò: “Vorrei un paese ridente ed oggi lo fo”. Tra i colori scelse il verde, l’azzurro, il bianco e il blu e con essi dipinse il mio paesello chiamato: borrello. Ivana Palmieri, Rossella Porcaro

Burriell, quante lune ha passat’! Burriell, tante cose s’ha cagnate! Nen cista chiù tanta miseria e solitudine. Ma che è diventate questa gioventù che appassisce sempre chiù? Ramon Angiolillo

Borrello sei bello! Borrello t’ammiro! Quanta luce, quanto colore, quanta gioia nel tuo cuore! Porcaro Rossella

Io lo so, Borrello, la vita non è bella, è come notte gelida senza alcuna stella. Ma da quando son tornato mi sono accorto che qualcosa d’immenso avevo lasciato. Palmieri Giuseppe

A BURRIELL Burriell, Burriell quand si biell, le jurn fatij e la notte t’arpus. A amntenè s’ quattr macere ci mit na mar’ de fatie. Burriell, Burriell de fatich n’ si fatte pe’ mantenè s’ quattr zappatur ch’ c’è rimast. Ma l’arie fina ch’ tiè accarez  le fijte ch’ nen t’an lasse maje. D’Orfeo Zermolo, Nelli Donato Candido, Amicone Nicola

GASTRONOMIA LOCALE Sagne a pezze, Sagne e fagioli, Baccalà e ceci, Frascariell, Ciammasch al sugo, Fuoje e pizza di granoturco, Sagne a rizzole, Scrippelle, pizzelle, Struozza cuolli, fiadone, Cuculuozz.

RELAZIONE: VISITA AL MUNICIPIO Il 3 maggio 1983 ci siamo recati al Municipio di Borrello. Arrivati, abbiamo atteso il vicesindaco D’Amico Carmine. Molti di noi lo immaginavano diverso da quello che realmente è: di altezza media, simpatico, accogliente e paziente nell’ascoltarci. Come se fossimo tanti personaggi importanti egli ci ha accompagnato nel municipio, dove abbiamo osservato: documenti, vecchie fotografie, quadri e arredamento. Fra le tante interessanti domande uno di noi ha chiesto: Da quanti membri è composto il Consiglio Comunale di Borrello? Gentilmente il vicesindaco ha risposto: da 12 Consiglieri. Quanti Assessori compongono la Giunta Comunale? Quattro Assessori: il delegato alle firme, l’Assessore anziano e due supplenti. Quanti sono i dipendenti comunali e come sono divisi per competenze e attività? I dipendenti comunali sono cinque: l’ufficiale amministrativo, l’applicato, la guardia comunale, un impiegato comunale e il segretario comunale. Chi provvede alla cura dei servizi pubblici e sociali del Comune? Un netturbino e un operaio generico. Come si svolge il servizio di vigilanza? Con una guardia comunale. Quale cure richiede la manutenzione dell’acquedotto? Ogni anno vengono puliti la sorgente e il serbatoio ed in seguito vengono disinfettati. Esistono comitati o consigli di quartiere? No. Dall’ufficio siamo passati nella sala della Giunta Comunale dove il sindaco si riunisce con i suoi più stretti  collaboratori. C’erano un grane tavolo rettangolare e un’aquila reale imbalsamata che ha attirato la nostra attenzione. Terminata l’intervista abbiamo ringraziato e salutato il vicesindaco. Infine siamo tornati a scuola felici di aver appreso tante cose nuove.

COMUNE DI BORRELLO: GONFALONE Attualmente il gonfalone di Borrello è così composto: drappo rosso e bianco con al centro lo stemma.

ORGANIZZAZIONE CIVICA Il capo del comune è il Sindaco. egli viene eletto ogni cinque anni. Il Sindaco del mio Comune si chiama Sergio Di Luca, è stato eletto nel 1980. 

SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO Municipio di Borrello, tel. 945122. Poste e telegrafo, via IX novembre, tel. 945128. ACI – Soccorso stradale, tel. 116. Carabinieri, via Palmieri 1, tel. 945125. Farmacia, Amabili dr. Giovanni, Via risorgimento, tel. 945365.

ELEZIONI Gli abitanti che hanno compiuto almeno 18 anni di età, gli ELETTORI, eleggono i 12 Consiglieri Comunali. I Consiglieri Comunali formano il CONSIGLIO COMUNALE. Il Consiglio Comunale si riunisce soltanto quando si devono discutere problemi molto importanti che interessano tutti i cittadini del Comune. A loro volta i Consiglieri Comunali eleggono il Sindaco e gli Assessori. Il Sindaco e gli Assessori formano la GIUNTA COMUNALE. Al mio paese ci sono quattro Assessori. Ciascuno dei quali è responsabile di un settore.

SERVIZI Tutti possiamo usufruire di servizi e comodità che non potremmo avere se vivessimo lontano l’uno dall’altro. Il sindaco, aiutato dagli assessori provvfede a: a) far funzionare gli uffici del Comune dove ogni giorno gli impiegati lavorano per sbrigare le pratiche riguardanti i cittadini. b) costruire e mantenere in efficienza l’acquedotto che porta l’acqua nelle case. c) costruire, pulire, riscaldare le scuole e, in caso di necessità, costruire nuovi edifici scolastici. d) assistere i poveri e costruire la casa di riposo per gli anziani rimasti senza famiglia. e) costruire le fogne e i canali di scolo per le acque di scarico. f) costruire, riparare, asfaltare le strade, installare semafori, mettere cartelli e segnali stradali. g) raccogliere i rifiuti domestici davanti alle case e pulire ogni giorno le strade e le piazze. h) sistemare le lampade necessarie a illuminare le strade, le piazze, i monumenti.

LE TRADIZIONI DI BORRELLO Le tradizioni costituiscono il patrimonio spirituale del popolo. Rispecchiano la sua fede, la sua fantasia, i suoi sentimenti, la sua saggezza. Per es. alcune ricorrenze festive vengono celebrate a Borrello con caratteristiche usanze: La vigilia di Natale viene posto sopra il focolare il ceppo che va tenuto acceso tutta la notte per illuminare e riscaldare la nascita del Bambino. I carboni del ceppo vengono poi sparsi nei campi.

I PROVERBI La neve marzuline dure da la ser’ a la matine. Chi n’ ascolt la mamm e lu patre mala fine fa. A  San Martine la neve tra le spin. A San Martine ………

 CANTILENA Ninna, nanna; Ninna, nanna; questo citolo a chi lo do, e lo do all’omo nero se lo tiene pe na’ sera,e lo do all’angioletto se lo tiene per un mesetto, e lo do alla befana se lo tiene na’ settimana e lo do al buon Gesù se lo tiene un anno in più.

Il presente lavoro è stato realizzato servendoci: dei depliant vari, offerti dall’Azienda di Soggiorno e Turismo di Chieti, della diretta osservazione dei luoghi più significativi del paese, dell’intervista ad un responsabile della gestione comunale: vicesindaco, di adesivi gentilmente offerti dalla ditta Evangelista, della collaborazione di alcuni genitori.

Gli alunni della I A di Borrello.

Il presente lavoro è stato ideato e realizzato dagli alunni della I media di Borrello, nell’anno scolastico 1982-83: Rossella Porcaro, Ivana Palmieri, Mimmo Calizzo, Ramon Angiolillo, Piero Di cesare, Nicola Amicone, Giuseppe Plamieri, Mario De laurentis, Donato Nelli, Zermolo D’Orfeo, Marco Di Cesare, Vincenzo Porfirio.